Energia Rinnovabile Riassunto. Il clima può essere risparmiato.

energetico risparmio energia sostenibile energia rinnovabile

 

Il clima può essere risparmiato a un terzo del costo dei sussidi per i combustibili fossili

Ritorniamo a una stima fatta dalla Fondazione Leonardo DiCaprio quando ha presentato il suo super-modello climatico.

Quanto costa sviluppare un’economia con il 100% di energia pulita e rinnovabile?

Domanda sempre puntuale e molto difficile da rispondere. Negli Stati Uniti, non ci sono al momento stime precise della quantità di investimenti necessari. Anche se là è dove sta tornando l’idea di un New Deal “verde” per mobilitare l’industria nazionale,

Secondo l’American Action Forum (AAF) indipendente, il New Deal verde richiederebbe almeno 1 miliardo di dollari per implementare tutte le norme proposte. Questo ridurrebbe le emissioni inquinanti e trasformare il mix energetico del paese.

energia rinnovabile ricerca

In pratica, la transizione energetica del modello proposto dalla fondazione Leonardo DiCaprio richiederebbe investimenti globali annuali dell’ordine di mille settecento milioni di dollari.

Mentre i sussidi globali rappresentano i combustibili tradizionali ammontano a 5.000 milioni di dollari, secondo le stime (del 2015) del Fondo Monetario Internazionale menzionate dalla fondazione.

Quindi potremmo “pulire” il pianeta spendendo circa un terzo di quello che spendiamo oggi per promuovere l’uso delle risorse energetiche più inquinanti. Stiamo parlando di un risparmio del 66%.

energia rinnovabile ricerca graffica

Sebbene i calcoli sulla portata dei sussidi per i combustibili fossili siano particolarmente complessi e variano ampiamente secondo i metodi utilizzati, nonché le stime sui costi socioambientali legate all’uso di questi combustibili (le cosiddette “esternalità negative”) sono particolarmente complesse.

Eliminare i sussidi ai combustibili fossili aiuterebbe la crescita delle fonti rinnovabili? Farebbe diminuire drasticamente le emissioni di CO2 nel mondo?

Secondo uno studio pubblicato su Nature dal titolo “Limited emission reductions from fuel subsidy removal except in energy-exporting regions” la risposta non è scontata.

Gli autori di la ricerca, tra cui anche i ricercatori del Centro Euromediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), Massimo Tavoni e Johannes Emmerling, ritengono che un taglio drastico ai sussidi fossili possa interessare soprattutto i maggiori esportatori di gas e petrolio.

Energia Rinnovabile Riassunto. Il clima può essere risparmiato sostenibilità

Il punto è che, come si spiega nel lavoro e come emerge dal comunicato del CMCC, per uscire dalle fonti fossili l’eliminazione dei sussidi non porterebbe a grandi risultati in termini di riduzione di CO2, se non unitamente ad altre strategie ben più efficaci.

Secondo quanto emerso, la rimozione di sussidi alle fonti fossili a livello globale produrrebbe, entro il 2030, una diminuzione delle emissioni di CO2 compresa tra l’1 e il 5%. Questo corrisponde a una quantità compresa tra 0,5 e 2 miliardi di tonnellate di CO2. Di certo una cifra molto inferiore agli impegni fissati nell’accordo di Parigi che richiede invece una diminuzione di 4-8 miliardi di tonnellate di CO2. Impegni che peraltro non permetterebbe ugualmente di rimanere sotto i 2 °C.

Essiste una soluzione?

energetico risparmio energia sostenibile energia rinnovabile Tavoni afferma che ciò non vuol dire che eliminare i sussidi sia una scelta sbagliata ma è una misura che da sola non basta. Ha detto:

“in alcuni Paesi, come i maggiori esportatori di energia prodotta da fossili, l’eliminazione dei sussidi condurrebbe a risultati significativi sia sull’uso delle rinnovabili che sulla riduzione delle emissioni. Tuttavia su scala globale le conseguenze sarebbero limitate. Servono altre soluzioni, come ad esempio tassare la CO2 e investire in innovazione”.

Alla luce di questa analisi è la tassazione della CO2 uno degli strumenti ideali da adottare nelle politiche energetiche. Le fasce di reddito basse possono essere protette dall’aumento dei prezzi dell’energia con misure compensative. Queste esenzioni o rimborsi saranno sostenuti proprio dal gettito fiscale derivante dalla tassa.

Tuttavia, anche questa soluzione non sarebbe sufficiente, dal momento che sarà necessario sviluppare nuove tecnologie e ridurre i costi delle tecnologie esistenti, per diffondersi a tutti i gruppi di reddito. Per questo è importante investire nell’innovazione.

Certamente, dato il crescente dibattito su queste e altre questioni relative ai costi/investimenti della transizione energetica (carbon tax, tasse ambientali, investimenti in singole tecnologie rinnovabili, ecc.), le nuove idee saranno pronte a riflettere.

Infine, vale la pena notare che lo studio completo finanziato dalla Fondazione Leonardo DiCaprio è disponibile online gratuitamente dal 2 febbraio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *